iPhone rallentati: Apple pagherà 450 milioni.

Il Caffettino non invecchia mai, perché si rinnova ogni giorno con notizie e temi sempre attuali. Invece i vostri device potrebbero essere invecchiati prima del dovuto. Questo perché alcuni produttori hanno messo in atto nel tempo strategie di obsolescenza programmata che limitano la durata di un prodotto a un periodo prefissato. È ciò che è accaduto con Apple, che spingeva i clienti ad aggiornare i software dei propri iPhone per continuare ad utilizzarli. La conseguenza di questi aggiornamenti però era il rallentamento dei dispositivi, con la conseguenza che le persone erano obbligate ad acquistare un nuovo modello o a sostituire la batteria del proprio smartphone.


In seguito a questo problema, i clienti hanno organizzato una class action contro Apple. Ed è notizia di questi giorni che il colosso americano pagherà 450 milioni di euro, corrispondenti a 500 milioni di dollari, per chiudere il contenzioso con i consumatori. In...

Continua a Leggere...

Non è ancora la sua ora: l'Apple Watch lo salva dall'infarto.

Eccoci qui con l'unico Caffettino al mondo che non aumenta il rischio di infarto. Con gli altri caffè invece andateci piano, o potreste finire come Jorge Freire, un pubblicitario brasiliano che nei giorni scorsi ha rischiato di avere un attacco di cuore. Fortunatamente però la sua ora non era ancora arrivata, perché in suo soccorso è arrivato l'Apple Watch che aveva al polso. Lo smartwatch della Apple lo ha avvisato che la sua frequenza cardiaca era superiore ai 140 bpm per oltre dieci minuti, così Jorge Freire si è precipitato in ospedale dove gli è stata diagnosticata proprio una tachicardia.

L'uomo ha raccontato la sua avventura sui social e per tutta risposta ha ricevuto un'email da Tim Cook che gli ha scritto: "Jorge, buon anno nuovo! Sono contento che tu stia bene adesso. Grazie per aver condiviso la tua storia con noi. Ci ispira a continuare ad andare avanti. Saluti, Tim". Questa storia a lieto fine ci porta a ragionare sulle...

Continua a Leggere...

Tutti pazzi per gli auricolari senza fili. Tranne Ronaldo.

Come ascolterete questo Caffettino? Con le cuffie? Con le casse? Con gli auricolari con i fili oppure wireless? Se rientrate nell'ultima categoria di ascoltatori, allora siete in linea con il trend dell'ultimo periodo. Infatti da un recente studio di Canalys emerge che l'utilizzo degli auricolari senza fili sta aumentando in modo sorprendente. Moltissimi ne subiscono il fascino, tranne Cristiano Ronaldo: CR7 è arrivato alla partita Juventus-Cagliari con un iPod Shuffle collegato a un paio di auricolari con i fili. Con Ronaldo sembra essere tornati a quindici anni fa, quando quel piccolo gadget faceva il suo ingresso sul mercato.

In quel momento l'iPod Shuffle sembrava un oggetto rivoluzionario, anche se con gli occhi di oggi ci appare una retro-tecnologia superata, che poteva contenere al massimo cinquecento brani ed era collegata agli auricolari con i fili che ai giorni nostri sembrano quasi scomparsi. Dismesso nel 2017 per l'arrivo sul mercato dell'iPod, l'iPod Shuffle...

Continua a Leggere...
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.