TRASFORMA IL TUO POSIZIONAMENTO CON PODCAST E VIDEO!

Non è ancora la sua ora: l'Apple Watch lo salva dall'infarto.

Eccoci qui con l'unico Caffettino al mondo che non aumenta il rischio di infarto. Con gli altri caffè invece andateci piano, o potreste finire come Jorge Freire, un pubblicitario brasiliano che nei giorni scorsi ha rischiato di avere un attacco di cuore. Fortunatamente però la sua ora non era ancora arrivata, perché in suo soccorso è arrivato l'Apple Watch che aveva al polso. Lo smartwatch della Apple lo ha avvisato che la sua frequenza cardiaca era superiore ai 140 bpm per oltre dieci minuti, così Jorge Freire si è precipitato in ospedale dove gli è stata diagnosticata proprio una tachicardia.

L'uomo ha raccontato la sua avventura sui social e per tutta risposta ha ricevuto un'email da Tim Cook che gli ha scritto: "Jorge, buon anno nuovo! Sono contento che tu stia bene adesso. Grazie per aver condiviso la tua storia con noi. Ci ispira a continuare ad andare avanti. Saluti, Tim". Questa storia a lieto fine ci porta a ragionare sulle grandi potenzialità degli smartwatch, che diventano uno strumento capace di salvarci la vita. Ad esempio l'infarto non ha sintomi che ci permettono di riconoscerlo in anticipo e la funzione di monitoraggio di alcuni gadget può aiutarci a intervenire tempestivamente.

Ma di fronte alle opportunità offerte da questi dispositivi, ci sono le nostre resistenze: spesso ci domandiamo dove vanno a finire i nostri dati e se saranno usati contro di noi, ad esempio per aumentare il premio delle nostre assicurazioni o dalle aziende per farci pagare di più i loro servizi. In realtà informazioni come la frequenza cardiaca, ma anche il peso, quello che mangiamo, la durata e la qualità del sonno possono essere molto utili per tutelare il nostro stato di salute. Perciò dovremmo preoccuparci meno della privacy ed essere più disposti a farci aiutare dalla tecnologia.

D'altronde nel prossimo futuro i nostri dati sanitari saranno sempre più importanti nelle strategie delle big company, come si evince dall'email di Tim Cook. Quando il CEO della Apple afferma che la storia di Jorge Freire ispira l'azienda a continuare ad andare avanti, vuole dire proprio che l'obiettivo di Apple è continuare a migliorare la nostra vita attraverso i suoi prodotti. In ogni caso tutto questo sarà possibile solo grazie a noi, nel momento in cui saremo capaci di dare il giusto peso politico e, a livello di consumatori, economico, a una tecnologia in grado di salvaguardare la nostra salute.

E voi cosa ne pensate?


Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]


Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.


Buon ascolto e condividete!

Listen to "Evita un infarto grazie a un Apple Watch, Tim Cook gli scrive" on Spreaker.

Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.