Credete al venerdì 17? Ricredetevi.

Jan 17, 2020

Dopo questo Caffettino sarete pronti ad affrontare anche la giornata più difficile. In questo caso, venerdì 17. Infatti se credete a questa superstizione probabilmente oggi vi muoverete con i piedi di piombo per evitare che la sfortuna si accanisca su di voi. Se invece non credete agli effetti funesti del venerdì 17, può significare due cose: o che siete immuni alle superstizioni, oppure che non siete italiani. Infatti nel resto del mondo è il 13 ad essere considerato il numero sfortunato per eccellenza, associato al martedì o al venerdì. Ma torniamo al nostro venerdì 17: da dove viene la credenza popolare secondo cui si tratta di un giorno sfortunato?

Le origini di questa superstizione nota come eptacaidecafobia (dal greco "ἑπτακαίδεκα", diciassette e "φόβος", paura)  sono diverse e vengono da lontano. Partiamo dall'Antico Testamento, in cui si racconta che il Diluvio Universale iniziò proprio il 17 del secondo mese. Sempre in ottica cristiana, il 17 è anche il giorno della morte di Gesù. Ma la fonte più accreditata è quella secondo cui gli antichi romani scrivevano sulle tombe "VIXI", che in latino significa "ho vissuto", ossia "sono morto". E "VIXI" è l'anagramma di "XVII", ossia 17 in numeri romani. Infine, più recentemente, anche la smorfia napoletana associa il numero 17 alla "disgrazia".

Ma in che modo il venerdì 17 ha a che fare con la vita di noi startupper, imprenditori e lavoratori del mondo digitale? E anche, come incide sull'economia questa superstizione? Sebbene ci consideriamo tutti razionali, tecnologici e capaci di guardare al futuro in modo oggettivo, c'è anche chi preferisce evitare di prendere decisioni importanti durante questo giorno, oppure chi decide di spostare gli appuntamenti presi per venerdì 17 a un altra data. Ma il mio consiglio per i superstiziosi è: non fatevi influenzare da questa credenza e andate avanti con il vostro lavoro, perché l'unico giorno sfortunato è quello in cui non affrontiamo nuove sfide.

Oltretutto nella storia ci sono anche esempi di chi ha iniziato nuove imprese proprio di venerdì. Un esempio fra tutti è Cristoforo Colombo, che è partito dal porto di Palos di venerdì, è approdato nel nuovo continente di venerdì ed è rientrato a Palos sempre di venerdì. Perciò l'obiettivo di oggi è mettere da parte questa superstizione e intraprendere una nuova avventura lavorativa, per poi magari raccontare che siete partiti proprio di venerdì 17. E poi mettetevi l'anima in pace, perché in questo 2020 i venerdì 17 saranno addirittura tre: oltre a questo 17 gennaio, arriveranno anche venerdì 17 aprile e venerdì 17 luglio.

E voi cosa ne pensate?


Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]


Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.


Buon ascolto e condividete!

Listen to "Venerdì 17: ci credi davvero?" on Spreaker.

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.