Starlink: l’Internet satellitare di Elon Musk arriva in Italia.

Sep 26, 2021

Ascolta "Starlink internet satellitare di Elon Musk arriva in Italia" su Spreaker.

Per restare aggiornati su tutte le principali notizie che riguardano il mondo del marketing, del business e del digital, vi suggerisco di ascoltare il podcast del Caffettino. Lo trovate dal lunedì al venerdì alle 7:30 sulle principali piattaforme e ascoltarlo sarà come fare due chiacchiere insieme davanti a una macchinetta del caffè virtuale. Questa settimana, il Caffettino maggiormente apprezzato dalla mia community è stato quello di martedì 21 settembre, dedicato all’ultima tecnologia proveniente dall’azienda aerospaziale SpaceX. Infatti dopo una fase di beta test Starlink, la connessione Internet satellitare di Elon Musk, è finalmente arrivata anche in Italia.

Sul sito starlink.com è possibile preordinare il kit necessario per collegarsi via satellite a Internet. Per il momento si può navigare a una velocità compresa tra i 50 e i 150 megabyte al secondo, che è abbastanza modesta rispetto a quella permessa dalla fibra. Ma lo stesso Elon Musk assicura che entro la fine dell’anno è destinata a raddoppiare fino a circa 300 megabyte al secondo. Non solo: l’obiettivo finale è di raggiungere addirittura i 10 gigabyte al secondo. In ogni caso, anche alla velocità attuale, Starlink rappresenta un’ottima soluzione per le aree poco coperte dalle normali infrastrutture terrestri, quelle a cui il progetto si rivolge principalmente.

C’è da dire però che il kit ad oggi è decisamente costoso: bisogna pagare 499 euro per l’hardware necessario per la ricezione del segnale, 99 euro di tariffa mensile più 60 euro che comprendono l’imballo e la spedizione. Senza contare altri 99 euro da versare come anticipo al momento dell’ordine. Chiaramente allo stato dei fatti la connessione satellitare di Starlink non è competitiva rispetto a una fibra super veloce, ma ha grandi prospettive per il futuro. Questo perché si propone di migliorare il famoso 5G ma anche il successivo 6G, che è già allo studio: potremo essere collegati ovunque, in qualsiasi momento, ad alta velocità e senza il cavo.

Magari un domani non potremo più lamentarci di non riuscire a navigare su Internet perché la fibra non funziona, ma dovremo guardare verso il cielo. I kit distribuiti nel mondo ad agosto erano 100mila e i preordini erano già 500mila a maggio, ma di certo Elon Musk sarà in grado di rendere questa tecnologia molto più redditizia. In questa fase i Paesi che possono usufruire di Starlink, oltre all’Italia, sono Cile, Francia, Austria, Spagna, Svizzera, Germania, Regno Unito, Portogallo, Polonia, Australia e Nuova Zelanda. Insomma, un grande terreno di prova per Starlink, utile anche per capire quali saranno i luoghi più interessanti per il business di Elon Musk.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.