Quante persone usano social network nei vari Paesi: il confronto 2020-2025.

Sep 19, 2021

Ascolta "Quante persone usano social network nei vari Paesi: il confronto 2020-2025" su Spreaker.

Chi mi segue sa che ogni mattina, alle 7:30, pubblico sulle principali piattaforme il mio podcast del Caffettino. È un appuntamento quotidiano di fronte a una macchinetta del caffè virtuale per parlare di news e tematiche che riguardano il business, il marketing e il digital. Questa settimana, il Caffettino preferito dalla mia community è stato quello di giovedì 16 settembre, in cui ho parlato di alcuni dati molto interessanti sull’uso dei social da parte di vari Paesi del mondo, mettendo a confronto i numeri del 2020 e quelli previsti per il 2025. Paradossalmente, il Paese con il maggior numero di persone che hanno avuto accesso ai social nel 2020 è stato la Cina.

Questo può sembrare strano, dato che per decisione del governo in Cina non sono raggiungibili Facebook, Instagram, Twitter e altre piattaforme molto popolari. Eppure, nel 2020, ben 926,8 milioni di persone si sono collegate a un social almeno una volta al mese. E il numero è destinato a crescere fino a superare il miliardo nel 2025. Al secondo posto della classifica c’è l’India, con quasi 349,9 milioni di utenti di social network nel 2020 che diventeranno 490,3 milioni nel 2025. Sono numeri strabilianti, che fanno ancora più effetto se paragonati a quelli notevolmente inferiori di altri Paesi. Perché se in Oriente la crescita continua veloce, altrove ci sarà un rallentamento.

Infatti in USA e in Europa, dove la penetrazione dei social network è già enorme, la crescita di persone che usano attivamente i social sarà notevolmente inferiore. Ad esempio, il Paese che crescerà meno di tutti a livello mondiale sarà la Germania, che passerà dai 44,48 milioni di utenti a 45,41. E in Italia? Anche da noi la crescita sarà ridotta, perché passeremo dai 34,02 milioni di persone del 2020 a 36,09 nel 2025, con un aumento di soli 2 milioni di nuovi utenti di social network. Questo dato deriva anche dal fatto che nel nostro Paese il tasso di natalità è molto basso, ma non solo: è ridotta anche la “nascita” di nuovi utenti consapevoli del mondo digitale.

Penetrazione già alta, poche nascite e pochi utenti evoluti, insomma. Ma c’è anche un altro problema tutto italiano, quello del digital divide esistente tra chi ha accesso alla tecnologia e chi ne è escluso. Infatti, c’è un dato molto importante emerso in questo periodo di smart working e di scuola da casa: il 30% delle famiglie italiane non possiede un computer, percentuale che sale al 40% se consideriamo il centro e il sud Italia. Si tratta di dati spaventosi alla fine del 2021. Perciò, se dovessi concludere il mio ragionamento con una sola parola, questa sarebbe: globalizzazione. Dei sociali network naturalmente, ma anche del digitale più in generale.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.