TRASFORMA IL TUO POSIZIONAMENTO CON PODCAST E VIDEO!

La mia opinione sulle opinioni.

Al bar, dove si prende un altro tipo di Caffettino, tutti sembrano avere un'opinione su tutto. Anche online comunque non si scherza: la rete pullula di opinionisti che hanno sempre qualcosa da dire sull'ultimo argomento di attualità. Invece nel nostro podcast di oggi parliamo di quanto a volte sia bello non avere un'opinione e magari ascoltare quelle degli altri. Potrebbe sembrare un paradosso, dato che ogni giorno nei Caffettini, nei video e negli eventi parlo di tematiche legate al mondo del digitale, della tecnologia o delle startup, ma capita anche a me di non sapere cosa dire e non reputo che questo sia un problema. Anzi.


Ritengo che non avere sempre un'opinione sia utile, perché dare un punto di vista su qualcosa che non conosciamo a fondo solo per prendere posizione ci espone al rischio di brutte figure o peggio, di ripetere quello che dicono gli altri. Al contrario, esprimere un'opinione ragionata è un'arte complessa e che purtroppo appartiene a pochi: un esempio sono alcuni editorialisti, capaci di analizzare una notizia, contestualizzarla, interpretarla e soltanto alla fine di dare la propria opinione in merito. Scrivere un editoriale è un processo che prevede preparazione e capacità di scrittura, un lavoro difficile, stancante e solitario.


L'Amaca di Michele Serra e Il Caffè di Massimo Gramellini sono casi eccellenti di editoriali di successo, che si contrappongono alla tendenza diffusa di esprimere la propria opinione velocemente, senza dare un aspetto organico al contenuto e magari facendo affidamento su ciò che dicono gli inflencer. Anche questi ultimi comunque non sono considerati totalmente affidabili da parte dei fruitori delle notizie, dato che oggi sappiamo bene che le fake news sono dietro l'angolo ed è difficile capire se abbiamo a che fare con fatti reali o meno. Ma perché è considerato così importante avere un'opinione al giorno d'oggi?


Il motivo sostanziale sono gli algoritmi dei social e dei motori di ricerca, che ci obbligano continuamente a creare nuovi contenuti e fanno sì che talvolta ci sforziamo nel dare la nostra opinione. Ma per la mia esperienza con le attività formative e in particolare con Masterclass, saper prendere posizione deve essere il risultato di un allenamento. Non parlo tanto della tecnica di come dire le cose, di come posizionare le luci o di come girare un video, quanto del contenuto stesso dell'opinione: bisogna allenarsi a cercare le informazioni, analizzarle e filtrarle, per capire se ci si può fidare della fonte. Ma quali sono i casi in cui è giusto non avere un'opinione?


Sicuramente quando abbiamo a che fare con qualcosa su cui non abbiamo competenze specifiche. Qualche esempio? L'epidemia di coronavirus, che richiede conoscenze in campo medicale. Oppure il surriscaldamento globale, che necessita di una preparazione come quella dei climatologi. In questi casi, mentre solitamente ci si basa sulle opinioni altrui per prendere posizione, sarebbe meglio affidarsi semplicemente a figure autorevoli. Personalmente, ogni volta che sono di fronte a queste tematiche preferisco non schierarmi da nessuna parte, piuttosto che basarmi solo su qualcosa che ho sentito dire e privo di fondamento.


Oltretutto non avere un'opinione spesso permette di imparare cose nuove, perché di fronte a una notizia possiamo prendere atto di non averci riflettuto abbastanza e magari investire del tempo per approfondire l'argomento e scoprire qualcosa che non sapevamo, ampliando la nostra conoscenza. Senza contare che non avere un'opinione è anche un'ottima opportunità per tacere e ascoltare qualcuno che magari ne sa più di noi su un dato argomento. In particolare, durante giorni importanti come quello della Memoria, dell'Informazione, della Giustizia o che celebrano qualcosa di alto valore, varrebbe la pena ascoltare in silenzio.


E voi cosa ne pensate?


Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]


Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.


Buon ascolto e condividete!

Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.