Netflix: in arrivo la pubblicità prima dei film e delle serie.

Jun 06, 2022

Tra i cinque podcast del Caffettino che ho pubblicato la settimana scorsa, la mia community ha apprezzato maggiormente quello di mercoledì 1 giugno, in cui ho parlato della pubblicità in arrivo prima e dopo i film e le serie Netflix.

Ad oggi il noto servizio di streaming può contare sul product placement e sulle sponsorizzazioni che riguardano alcune tra le serie e i film più commerciali, ma a queste attività si aggiungerà anche l’advertising. Si tratta di una delle più grandi rivoluzioni nella storia della piattaforma, che fino ad oggi ha sempre fatto leva su un modello di business che non includeva la pubblicità. Invece, di qui a breve, la nuova politica commerciale di Netflix punterà sull’inserimento degli spot all’inizio e alla fine dei contenuti, che comunque non interromperanno la visione delle nostre serie e dei nostri film preferiti e saranno numericamente inferiori rispetto a quelli dei competitor.

Questo cambiamento si deve a un rendiconto trimestrale decisamente negativo oltre che a un importante calo degli abbonamenti, che ammonta a circa 200mila unità. Senza contare che le previsioni per i prossimi mesi parlano di un crollo delle sottoscrizioni ancora più marcato. Ecco allora che Netflix ha deciso di imitare alcuni tra i suoi grandi competitor, come ad esempio Sky, HBO e Hulu, che hanno o hanno annunciato servizi di abbonamento supportati dalla pubblicità per venire incontro alle esigenze degli utenti che cercano contenuti a basso prezzo. Ma c’è anche un’altra ragione che ha portato Netflix alla decisione di inserire gli spot prima e dopo i propri contenuti.

Infatti, alla fine dell’anno, potrebbe arrivare un’altra novità di cui si parla già da tempo: la fine della possibilità di condividere la stessa password su più profili. In questo senso, l’introduzione della pubblicità potrebbe portare a una riduzione dei prezzi degli abbonamenti, in modo da permettere a chi oggi condivide le password di trovare comunque una convenienza negli account personali. In generale, la corsa ai ripari della piattaforma dipende dal fatto che c’è una netta differenza tra la retorica che descrive Netflix come un servizio diverso dagli altri e la realtà dei fatti, che vede un mercato dello streaming ormai maturo, fatto di molti player in competizione tra loro.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.