Michele Franzese. La nuova frontiera degli eventi digitali.

Dec 11, 2020

Nel mio Live Show di giovedì 10 dicembre ho avuto come ospite Michele Franzese, Direttore Generale di Scai Comunicazione. Attualmente Michele sta lavorando molto sugli eventi digitali e ho iniziato l’intervista chiedendogli quale sia la sua visione in merito. La sua risposta è che da quando a marzo è scattato il lockdown, lui e i suoi collaboratori hanno capito che gli eventi fisici non si sarebbero fatti per tutto l’anno e, come abbiamo visto, anche oltre purtroppo. Perciò hanno sperimentato tutte le piattaforme possibili e più o meno coinvolgenti, da quelle che offrono il 3D a quelle che propongono il 2D, con funzioni che cercano di tenere ingaggiata l’utenza. Però si sono resi conto che al momento non esiste ancora una piattaforma del genere, perché c’è una profonda differenza tra gli eventi fisici e quelli online.

Quindi adesso stanno provando a sperimentare un modello che offra un coinvolgimento simile a quello che si cerca negli eventi fisici. Questo modello è la televisione, che da sessant’anni riesce a tenere incollate le persone davanti a uno schermo, proponendo loro uno spettacolo. Per Michele è molto interessante il lavoro fatto da tanti personaggi del marketing con le dirette, perché ci consente di informarci in un periodo in cui non possiamo muoverci, ma ribadisce che non possiamo provare a ricreare un’esperienza simile a quella di un evento fisico con un evento online perché, essendo due cose molto diverse, vanno trattate in maniera differente. E questo è proprio ciò che stanno provando a fare con Display (displaylive.it), un evento digitale innovativo che sarà presentato insieme a me proprio da Michele il 15 dicembre.

Nella forma Display vuole essere prima di tutto uno spettacolo, in grado di coinvolgere almeno un migliaio di persone parlando di un argomento serio come il marketing. Normalmente quest’ultimo è un tema appannaggio di pseudo esperti che ad esempio realizzano i classici video sul segreto per acquisire nuovi clienti, ma con Display si parla di marketing in modo autorevole. Quindi, nel dettaglio, la forma di Display sarà quella dell’edutainment, cioè di uno spettacolo capace di mantenere alta l’attenzione del pubblico durante tutto il tempo grazie alla musica, alla bella scenografia, al ritmo molto rapido, al fatto che gli intervistati parleranno solo pochi minuti e che le domande saranno serrate. In breve, Display mette insieme tutti gli elementi da sempre presenti nella televisione, incluso un dettaglio fondamentale: l’orario.

Infatti l’evento andrà in onda dalle 21 alle 23 circa. E chi fa del marketing il proprio lavoro non potrà perderselo. Gli ospiti di Display fanno parte di un panorama molto variopinto: si va dal creativo puro, Paolo Boccardi, uno dei direttori creativi più premiati di sempre in Italia, ad Alfredo Accatino, deus ex machina di alcuni tra gli eventi fisici più belli mai realizzati. Quest’ultimo ha messo insieme macchine, mezzi, persone e idee per realizzare spettacoli dal vivo incredibili, come la presentazione della Cinquecento e le Olimpiadi. Ma tra gli ospiti ci sono anche personaggi di rilievo nell'universo del marketing come Veronica Gentili, che ha la strabiliante capacità di prevedere i trend nel mondo dei social. E degna di nota è anche la presenza di Fabio Moioli di Microsoft, uno dei massimi esperti europei di intelligenza artificiale.

Secondo Michele, Display non è un evento pensato soltanto per gli esperti, ma concepito per tutti, dato che il marketing oggi fa parte della vita di chiunque: ormai, infatti, se stiamo di fronte al computer o se abbiamo lo smartphone in mano, in qualche modo il marketing ci sta influenzando. E il discorso vale anche per l’intelligenza artificiale, gli eventi, la creatività e i social: non ha più senso che siano prerogativa esclusiva dei professionisti, ma devono essere proprio per tutti. Inoltre, chiunque deve capire almeno un po’ di marketing per non rimanere imbrogliato dai suoi meccanismi. E su questo fronte, per Michele un buon proposito per il marketing nel 2021 è farsi un po’ più dalla parte degli esseri umani. Perché il marketing che attraverso il digitale cerca di prendere in giro l’utente ha vita molto breve.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.