La spesa in dieci minuti: l’innovazione di Gorillas e le mie preoccupazioni sull’acquisto d’impulso.

Oct 31, 2021

Ascolta "La spesa in 10 minuti: l'innovazione di Gorillas e le mie preoccupazioni sull'acquisto d'impulso" su Spreaker.

Con il mio podcast del Caffettino vi aggiorno quotidianamente su argomenti e news che ruotano attorno al mondo del marketing, del digital e del business. E lo faccio come se fossimo davanti a una macchinetta del caffè, con una chiacchierata veloce e informale. Questa settimana, il Caffettino più apprezzato dalla mia community è stato quello di giovedì 28 ottobre, in cui ho parlato di una startup che potrebbe rivoluzionare, nel bene o nel male, il nostro modo di fare acquisti: Gorillas, infatti, permette di ricevere la spesa a casa in soli dieci minuti. Una comodità unica o un’istigazione agli acquisti di impulso? Lo vedremo tra poco, ma intanto partiamo dalla notizia.

Qualche giorno fa Gorillas ha annunciato di aver raccolto quasi un miliardo di dollari con un round di finanziamento. E pensare che Kağan Sümer, il trentatreenne di origine turca fondatore della startup, ha iniziato la sua attività in piena la pandemia, facendo le consegne da solo a Berlino. In poco tempo Gorillas ha conquistato l’Europa e oggi è presente anche in alcune città italiane. Ma dopo questo round di finanziamento è probabile che il servizio sarà esteso anche ad altre città e magari anche ai piccoli centri. In questa prospettiva vedo un aspetto positivo, ossia la possibilità che i piccoli negozi di quartiere e dei paesi riescano finalmente a ripartire.

Infatti i supermercati non sono ovunque e per effettuare consegne in dieci minuti servono negozi di prossimità. Un’alternativa è che vengano creati dei ghost market, cioè dei magazzini collocati in punti strategici non aperti al pubblico ma dedicati esclusivamente alle consegne a domicilio. Come accennavo all’inizio, però, al di là degli aspetti positivi sono preoccupato di una cosa: tralasciando chi ha dimenticato di acquistare un prodotto indispensabile e ricorre al servizio offerto da Gorillas, temo che molte persone potrebbero abituarsi a non fare programmi e a diventare dipendenti dai propri impulsi, acquistando cose che di norma non comprerebbero.

È un po’ come quando siamo al supermercato e abbiamo comprato tutto quello che ci occorre, ma alla fine acquistiamo dolci o altri prodotti inutili guidati proprio dall’impulso dell’ultimo minuto. Invito tutti a fare questo tipo di riflessioni prima che sulla spesa ci sia scritto: “Attenzione, l’acquisto d’impulso nuoce gravemente alla salute”. Per concludere, da una parte sono contento per questa startup che è riuscita a ottenere il più grande finanziamento di un’azienda non quotata che il settore delle consegne di generi alimentari in Europa abbia mai visto fino a oggi. D’altro canto, però, ritengo che sia necessario anche fare qualche ragionamento etico e, perché no, rétro.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.