Fare contenuti che sorridono.

Jul 24, 2020

Benvenuti al Caffettino, dove solitamente analizziamo le notizie che riguardano il mondo della comunicazione, del marketing e dei social. Oggi però voglio parlarvi di un argomento particolare, partendo da un antico detto orientale che recita: “Non aprire un negozio se non sai sorridere”. Effettivamente se ci pensate bene si tratta di un proverbio quanto mai vero e attuale, perché sappiamo come talvolta sia frustrante entrare in un negozio e trovare una persona che tenta di venderci qualcosa, senza possedere grandi qualità comunicative. Ma al di là delle nostre esperienze nel mondo reale, questa massima è applicabile anche al mondo digitale e dei social?

La risposta naturalmente è sì. Infatti quando comunichiamo in forma digitale, scriviamo, facciamo dei vocali o dei podcast, l’imperativo è sorridere. Forse alcuni di voi si staranno chiedendo come si fa a sorridere sul digitale. Innanzi tutto sappiamo benissimo che per quanto riguarda i podcast questa cosa si sente facilmente. E anche gli appassionati di public speaking sanno che se sorridiamo la nostra voce è completamente diversa rispetto a quando non lo facciamo. Ma sorridere funziona molto bene anche per quanto riguarda le nostre comunicazioni: pensiamo ad esempio a chi oggi cerca lavoro e a quanta differenza fa il modo di porsi nei confronti dei selezionatori.

In particolare, un conto è ricevere il curriculum da una persona che sorride nei suoi contenuti e nel suo racconto, o che magari si avvale anche di un video curriculum, formato che attualmente va molto di moda e che è anche ben accetto. Altro conto è ricevere un foglio stampato di un curriculum in formato europeo, che non ha alcun valore aggiunto in termini di contenuti. Al di là del mondo del lavoro, far sorridere i contenuti è importante anche per gli e-commerce, che devono trovare nuove intuizioni nella loro comunicazione, come nel caso di Alibaba e di altri protagonisti del commercio elettronico, che stanno sperimentando delle dirette interattive. Come funzionano?

La persona che pubblicizza i prodotti diventa in qualche modo il volto stesso dell’e-commerce e la maniera in cui si pone nei confronti del pubblico può fare la differenza in termini di individui che decidono di cliccare su un prodotto per acquistarlo. Infine, si può comunicare in maniera felice e positiva anche sui social, ma a una condizione: che la comunicazione sia autentica e non estremizzata come accadeva negli anni Ottanta per i protagonisti delle pubblicità o per i dj, che sorridevano al limite della nevrosi. In breve, una sincera felicità e un sincero sorriso possono comunicare i nostri prodotti e i nostri servizi con una marcia in più. Provare per credere.

E voi cosa ne pensate?

Fatemelo sapere scrivendo a [email protected]

Vi ricordo che sul mio sito trovate tutte le informazioni su quello che faccio, i Caffettini in podcast e l'audiolibro di Startup di Merda, gratuito per chi si iscrive alla community.

Inoltre vi aspetto sul mio canale Telegram http://t.me/mariomoronicanale per parlare di business, ma anche per ascoltare i miei pensieri personali ogni giorno.

Buon ascolto e condividete!

Ascolta "Fare contenuti che sorridono" su Spreaker.

Rimani connesso a tutte le novità!

Entra nel canale Telegram di Mario e ricevi notizie e audio utili ogni giorno

Accedi
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.